■■■

un po' d'arabia in cucina (e non solo...)

■■■
01-06-2014

Sono diverse le parole di origine araba entrate nella parlata genovese, a testimonianza di uno stretto legame della città con l'oriente.
La parola di origine araba più nota fuori da Genova è forse "trenetta", derivante dal termine "itriya" - usato in un testo siriano del IX secolo per identificare un'antenata della pasta, probabilmente a sua volta mutuato dal termine greco "trix"= capello. Ma anche il molto meno noto "scucuzzun" dovrebbe derivare dal celeberrimo "cuscus" e così il "mosciamme" (da "mosammed" = cosa solida), lo "scabeccio" (dal marocchino "sikbag" = pesce marinato) e la bottarga (dal copto "butareh" = uova di tonno pressate e salate)
Significativamente, le parole arabeggianti più note in città sono invece legate alla vita del porto: innanzitutto "camallo" (da "hamal" = facchino) e poi "raiba" (da "rahaba" = mercato). Ci sono poi "casana" (da "hazana" = tesoro/magazzino, ma anche portagioie), "darsena" (da "daras sinah" = casa d'industria) e "fondaco" (da "funduq" = alloggio di mercanti - a sua volta dal greco "pandocheion" = che accoglie di tutto). Sono ancora di origine araba due parole strettamente legate al mondo tessile, come "mezzaro" ( da "mizar" = velo) e "macramé" (da "migramah" = nodo/frangia).
Più aderente al termine arabo originale "meskin" (= poveretto) è l'uso del genovese "meschinetto" rispetto all'italiano "meschino" - di netta impronta spregiativa - mentre "gabibbo" si è trasformato dall'originale "habib" (= amato/amico) in un epiteto di vago sentore denigratorio. 
Di certo, il fatto che in genovese esista la parola "ramadan", nel senso di confusione, denota una stretta consuetudine con le usanze musulmane (magari non molto ben comprese) ed è poi curioso che gli stessi genovesi tendano ad attribuire origini arabe a parole che poi arabe non sono: non lo è "gioxia" (deformazione dell'italiano "gelosia" nel senso di persiana) e non lo è "massacan" (che pur se attestato nel dialetto fin dal XV secolo, non ha un'etimologia convincente)... e non lo è neppure "macadam" (presente anche in italiano), che invece deve il suo nome a John Loudon MacAdam, inventore di quella particolare pavimentazione stradale. 
Insomma, una città crocevia di merci, crocevia di persone e crocevia di parole!

  • maggio 2019
  • aprile 2019
  • marzo 2019
  • febbraio 2019
  • gennaio 2019
  • ottobre 2018
  • agosto 2018
  • maggio 2018
  • aprile 2018
  • febbraio 2018
  • gennaio 2018
  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • ottobre 2017
  • settembre 2017
  • luglio 2017
  • giugno 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014