■■■

genova e le sue leggende: paciugo e paciuga

■■■
26-09-2014

Questa storia che ha il sapore di una bella leggenda racconta la storia di un amore che vince il tempo e la gelosia.

Si dice che i loro nomi originali fossero Pelegro e Pelegra poi divenuti poi Paciugo e Paciuga che nell'intercalare antico genovese significa inseparabili.

Paciugo e Paciuga erano una copia di sposini vissuti intorno al XI sec nel quartiere di Prè.

Lui era un marinaio e poichè si imbarcava spesso restando lontano per mesi da casa, a Paciuga non restava altro da fare che tenere in ordine la loro graziosa casetta. Un giorno, durante uno dei suoi lunghi viaggi, Paciugo venne rapito dai Saraceni che lo rinchiusero nelle loro prigioni.

Intanto il tempo passava e Paciuga, che del marito non riusciva ad avere notizie, tutti i sabati si recava a piedi al Santuario dell'Incoronata a pregare la Vergine, senza perdere mai la speranza di rivedere il suo Paciugo.

Nonostante tutti lo credessero già morto.

Trascorsero ben dodici lunghi anni e finalmente Paciugo riuscì a fuggire e a tornare a casa, proprio di sabato. Non trovando la moglie a casa chiese ad una vicina se sapeva dove fosse e lei, che era sempre stata molto gelosa del loro amore, disse che Pagiuga diceva di andare a pregare al santuario dell'Incoronata tutti i sabati ma in realtà si incontrava con un altro uomo.

Paciugo venne preso da un terribile attacco di gelosia e corse subito al Santuario.

Lì effettivamente incontrò finalmente la moglie che lo riconobbe subito e inizio' ad abbracciarlo e baciarlo gridando al miracolo.

Si fece promettere dal marito che all'indomani si sarebbero nuovamente recati lì per ringraziare la Vergine.

All'indomani presero una barca a remi e una volta al largo Paciugo iniziò ad interrogare la moglie chiedendole del tradimento.

La povera Paciuga non seppe cosa rispondere e lui interpretò quei suoi silenzi come prova del tradimento così l'accoltellò e la gettò in fondo al mare dopo averle legato un masso al collo.

Poi, pentito e in preda a forti sensi di colpa, torno' nuovamente al Santuario a pregare e fu così che vide Paciuga inginocchiata all'altare che lo riabbracciò e lo perdonò.

La Vergine aveva dato loro un'altra possibilità perchè il loro era un vero e puro amore ed era degno di esere vissuto fino in fondo.

foto: web


  • maggio 2019
  • aprile 2019
  • marzo 2019
  • febbraio 2019
  • gennaio 2019
  • ottobre 2018
  • agosto 2018
  • maggio 2018
  • aprile 2018
  • febbraio 2018
  • gennaio 2018
  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • ottobre 2017
  • settembre 2017
  • luglio 2017
  • giugno 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014